Home arrow Archivio Notizie arrow Possibile lo sgombero degli alloggi occupati
NEWS
Menu
Home
Archivio Notizie
Forum
Chat
Galleria Fotografica
Galleria dei Video
Annunci e Inserzioni
Messaggeria Privata
Download
La Community
Siti amici
Contatta lo Staff
Avviso | Chiudi
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
 

Cultura e Tradizioni
La Storia
Chiese e Monumenti
I Riti Religiosi
In giro per Butera
Ricette Tipiche Locali
Utility e Svago
Giochi
Bollo Auto, Codice Fiscale
Indirizzi e Numeri Utili
Elenco Telefonico
Butera dal satellite
Mappa Stradale di Butera
Buteraweb.it TV
Attivita' Commerciali
Libro degli Ospiti
Web Radio
Atti Comunali
Chi e' online
Abbiamo 1 visitatore online
Nessun utente online



Possibile lo sgombero degli alloggi occupati PDF Stampa E-mail
Tratto da "La Sicilia, ed. Caltanissetta del 2 Novembre 2007

A BUTERA POTREBBE SCATURIRE UNO SGOMBERO COATTO
Verifica delle condizioni igieniche nei 16 alloggi occupati abusivamente

BUTERA. Dopo un vertice in Prefettura, il sindaco Luigi Casisi ha ordinato alle autorità sanitarie una verifica delle condizioni igienico sanitarie dei sedici alloggi popolari di via Falconara al Piano della Fiera, occupati abusivamente da altrettante famiglie l’undici ottobre scorso. Dall’eventuale mancanza del requisito di igienicità potrebbe scaturire un’azione di sgombero coatto degli alloggi. Così ieri il dott. Rocco Buttiglieri, con carabinieri al seguito, ha effettuato un sopralluogo negli alloggi allo scopo di acquisire gli elementi necessari a stendere la relazione richiesta dal sindaco entro i prossimi tre giorni. Le sedici famiglie, dal canto loro non vogliono sentire ragioni, reclamano la casa attesa da vent’anni e continuano a puntare l’indice sui favoritismi e clientele nell’assegnazione degli alloggi.
Al loro fianco il parroco don Aldo Contrafatto. «Basta con la linea dura di ipocrita legalità – ha detto ieri il parroco - si faccia giustizia cancellando le illegalità del passato ed evitandone per il futuro. Ci sono tante case vuote assegnate a gente che ne ha delle altre, che ha esercizi commerciali, due stipendi. Si revochino le assegnazioni per dare le case ai poveri ». Don Aldo evidenzia un altro fatto anomalo. «Di fronte agli alloggi popolari c’è una casa protetta completata da 15 anni e con gli arredi. Vi abita la famiglia di un custode e nessuno più. Perchè non si pensa a farvi abitare gli indigenti?» Il parroco chiede, dunque, al sindaco che sia fatta giustizia avviando un’azione di legalità a 360 gradi. Basta rivedere tutte le assegnazioni passate di case popolari, cacciare i falsi poveri e dare una risposta a chi non ha un euro in tasca.
M. C. G.
Commenti (1)add
... : giuseppe
PER IL Parroco , Certo che E facile Parlare con La parola di DIO, e dimenticare La lege Che E uguale Per TUTTI . Il reato E il Furto consumato contro il POPOLO , che Prima O dopo Anno date Altre case , non A niente A che vedere col Furto Attuale . Che se lo stato Accetta cuesto Statusquo Allora riprenderemo Con la Vechia Vendetta ? Dato che Un paio di Anni Fa cerano I processi di Onore , alora possiamo sembre continuare Nei vechi Passi ?? ( CON LA SCUSA DEL ONORE SI UCIDEVA LA MOGLIE E NON CERA NESSUNA PENA DI SCONTARE; E CUESTO IL FUTURO CHE CHIEDE LA CHIESA )
La lege E uguale per Tutti Anche per cuelli che dicono O che lo sono, Poveri , nessun Sconto Legale per nessuno ...
GIUSEPPE
03 novembre 2007
Scrivi commento

Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.


busy