Home arrow Archivio Notizie arrow Opposizione, ancora polemiche per la Tares
NEWS
Menu
Home
Archivio Notizie
Forum
Chat
Galleria Fotografica
Galleria dei Video
Annunci e Inserzioni
Messaggeria Privata
Download
La Community
Siti amici
Contatta lo Staff
Avviso | Chiudi
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
 

Cultura e Tradizioni
La Storia
Chiese e Monumenti
I Riti Religiosi
In giro per Butera
Ricette Tipiche Locali
Utility e Svago
Giochi
Bollo Auto, Codice Fiscale
Indirizzi e Numeri Utili
Elenco Telefonico
Butera dal satellite
Mappa Stradale di Butera
Buteraweb.it TV
Attivita' Commerciali
Libro degli Ospiti
Web Radio
Atti Comunali
Chi e' online
Abbiamo 7 visitatori online
Nessun utente online



Opposizione, ancora polemiche per la Tares PDF Stampa E-mail
Fonte: "Giornaleonline.lasicilia.it", Ed. di Caltanissetta del 14 Novembre 2013, pag.34

Ancora polemiche per la Tares
L'opposizione accusa: «Cittadini salassati», la maggioranza nega rincari


Butera. c. l.) Tares e correttivi da apportare in merito alla deliberazione con la quale la Corte dei conti ha recentemente parlato della presenza di alcune criticità nei conti comunali. Sono stati questi i punti affrontati in occasione dell'ultimo consiglio comunale, entrambi approvati a maggioranza.
Per quanto riguarda la definizione della tariffa per la Tares, il gruppo di minoranza aveva proposto, tramite il consigliere Emilio Tallarita, di ritornare alla vecchia tariffa della Tarsu in quanto, non essendo stato ancora approvato il bilancio di previsione 2013, si sarebbe potuto ancora fare. La proposta della minoranza, tuttavia, è stata bocciata dalla maggioranza consiliare che, invece, ha poi approvato, sempre a maggioranza, la propria proposta tariffaria, portata in aula dal consigliere Vassallo che ha invece esposto la sua tesi di prevedere una percentuale del 65% a carico dei residenti e del 35% a carico delle imprese.
«In questo modo - ha spiegato Vassallo - è stato possibile mettere a punto una distribuzione più equa che consentirà di non gravare eccessivamente sui cittadini; la proposta della minoranza?
Solo populismo ostruzionistico, perché sanno benissimo che una eventuale accettazione della loro proposta non avrebbe consentito di chiudere il bilancio di previsione». Dura la replica di Tallarita: «Altro che equità! Con il ruolo della Tares ci saranno 300 mila euro in più per i cittadini che saranno ancora una volta salassati con nuovi aumenti; per altro, ritengo che il tutto graverà solo sulle spalle dei buteresi in quanto è ormai notorio, e questo lo ha anche accertato la Corte dei Conti, che non si riesce in alcun modo a far pagare le imprese, al punto che al momento il contenzioso tra Comune e Imprese tocca quota 1,8 milioni di euro; una somma che, se pagata, risolverebbe tanti problemi al nostro Comune; per il resto, ci consola che non siamo solo noi ma anche la Corte dei Conti a bacchettare questa amministrazione e a mostrarne l'inadeguatezza politica».
Per quanto riguarda invece i correttivi da apportare dopo la recente pronuncia della Corte dei Conti, anche in questo caso, la minoranza aveva proposto un suo documento con dei correttivi che, a suo modo di vedere, avrebbero dovuto essere posti in essere per quanto concerne i conti comunali. «Avevamo proposto - ha ribadito Tallarita - la riduzione del 30% della spesa del personale, il potenziamento dell'ufficio comunale delle entrate, la limitazione delle spese di rappresentanza e una migliore organizzazione del personale, ma la nostra proposta non è piaciuta alla maggioranza che in consiglio fa valere la politica dei numeri anziché quella delle proposte». Bocciato a il documento della minoranza, è stato invece approvato il documento redatto del responsabile dell'area finanziaria. «Questo documento - ha spiegato Vassallo - tiene conto delle criticità sollevate dalla Corte dei conti ed evidenzia come l'amministrazione si stia impegnando a superare le criticità sia nella spesa del personale che per le anticipazioni di cassa; il giudizio, pertanto, non può che essere positivo».
Commenti (0)add
Scrivi commento

Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.


busy