Home
NEWS
Menu
Home
Archivio Notizie
Forum
Chat
Galleria Fotografica
Galleria dei Video
Annunci e Inserzioni
Messaggeria Privata
Download
La Community
Siti amici
Contatta lo Staff
Avviso | Chiudi
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
 

Cultura e Tradizioni
La Storia
Chiese e Monumenti
I Riti Religiosi
In giro per Butera
Ricette Tipiche Locali
Utility e Svago
Giochi
Bollo Auto, Codice Fiscale
Indirizzi e Numeri Utili
Elenco Telefonico
Butera dal satellite
Mappa Stradale di Butera
Buteraweb.it TV
Attivita' Commerciali
Libro degli Ospiti
Web Radio
Atti Comunali
Chi e' online
Abbiamo 7 visitatori online
Nessun utente online
Le vostre ultime foto

 

 

 

 



Ultimi video inseriti
Butera Sicilia
Butera Sicilia
Butera Sicilia

Operatori ecologici, la protesta non si placa PDF Stampa E-mail
Fonte: "Giornaleonline.lasicilia.it", Ed. di Caltanissetta del 30 Ottobre 2013, pag.25

Netturbini, continua la protesta
Il sindaco: «Ma la vertenza è tra Ato e Sap». Primi disagi


Butera. Prosegue la protesta delle donne, mogli e fidanzate, dei dipendenti buteresi della Sap che da cinque mesi non percepiscono lo stipendio. Una situazione di forte disagio economico di questi nuclei familiari costretti a stringere oltremisura la cinghia. Ieri, ancora una volta, le donne sono tornate a gridare con forza tutto il loro disagio: «Abbiamo bambini piccoli ai quali non possiamo più comprare nemmeno il latte; tra non molto ci staccano la luce, c'è gente che ha anche fatto prestiti; non sappiamo più che fare, siamo disperate; occorre sensibilizzare le istituzioni, non è possibile andare avanti così».
Parole dettate dalla rabbia ma anche, e soprattutto, dalla disperazione di ritrovarsi senza il becco di un quattrino a fronte di piccole e grandi emergenze quotidiane da affrontare.
Un sentimento acuito anche dal fatto che finora la situazione non s'è sbloccata: «Solo padre Aldo ci sta dando un minimo di conforto in questo difficile momento, ma per il resto nessuno finora ha ritenuto di doverci dare una spiegazione plausibile». Della vicenda si sta occupando il sindacato e presto dovrebbe approdare in Prefettura. Nel frattempo sta continuando la raccolta di firme.
Intanto, ieri mattina il sindaco Casisi, interpellato sulla delicata questione legata a questa protesta ha sottolineato: «Il Comune in questa vicenda non c'entra un bel niente; ci sono questioni interne che non sarebbero state del tutto risolte tra l'Ato, che ritiene di aver provveduto alla liquidazione delle somme per il servizio, e la società che, invece, ritiene che queste somme siano insufficienti; si tratta - ha spiegato il sindaco - di questioni tecniche e contabili che, tuttavia, non possono e non debbono avere ricadute negative su questi lavoratori, ai quali va la mia vicinanza e solidarietà, né tantomeno sul servizio, dal momento che, da due giorni, non vengono raccolti i rifiuti nel centro abitato che, invece, è doveroso da parte dell'impresa».
Il sindaco nel ricordare che «la protesta non è autorizzata», ha poi rilevato: «In ogni caso, visto che i lavoratori, per come si sente dire, avrebbero attivato procedure per il recupero delle somme dovute, non si comprende il perché di questa protesta». Il primo cittadino, nell'auspicare che la situazione possa in qualche modo sbloccarsi e che si possa quanto prima tornare alla normalità, ha ribadito che, qualora ciò non dovesse avvenire, non sarebbe da escludere la possibilità che possa decidere di chiamare una ditta esterna per consentire l'espletamento del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti supportandola con le risorse umane a disposizione del Comune per evitare una potenziale emergenza rifiuti nel centro abitato buterese. Oggi, intanto, il "Caso Butera" sarà discusso nell'ambito dell'Assemblea della Srr.
Commenti (1)add
... : roccogua
Il problema, in questo caso, non è se la protesta sia stata o meno autorizzata, ma è come mai nè il sindacato, nè gli organi politici hanno inteso occuparsi della questione prima, visto che i lavoratori non percepiscono il frutto del loro sudore da oltre cinque mesi. Dove erano il sindacato e gli organi quando i lavoratori hanno evidenziato sin da subito la mancata ricezione della loro retribuzione mensile? Perché il sindacato non ha indetto, mesi addietro, una qualche manifestazione di protesta prima che si arrivasse al punto in cui si è arrivato? Perchè gli organi politici non si sono interessati della questione in tempo debito?
Coloro che sanno, per favore, spieghino.
31 ottobre 2013
Scrivi commento

Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.


busy
 
 
Sondaggi
Quale aspetto si dovrebbe maggiormente curare?
 
Chi è in Chat
Toolbar
Scarica la Toolbar di Buteraweb.it
Ultimi Commenti
Inaugurata “Piazza Butera” ...
nel 2017 ad agosto sono stato a gevelsberg ....in piazza butera ..dopo 45 anni ...era il mio sogno d...
Labbate: «non ho mai fatto ...
Sono stato a geversberg a agosto 2017 la piazza butera mi sembrava molto piu' grande a vederla da ...
Sdegno e rabbia per l’uccis...
mi chiedo perchè non veniva affrontato senza legarlo? solo i codardi lo sanno.
Sdegno e rabbia per l’uccis...
Non ho parole per descrivere quello che sento,anche se la notizia e` stata publicata mesi fa l`idea ...
Gli ultimi download
Un articolo a caso
Statistiche
1536 registrati
0 oggi
0 ieri
0 questa settimana
0 questo Mese
Buteraweb.it Partners