Home arrow Archivio Notizie arrow Netturbini senza stipendio, protesta continua
NEWS
Menu
Home
Archivio Notizie
Forum
Chat
Galleria Fotografica
Galleria dei Video
Annunci e Inserzioni
Messaggeria Privata
Download
La Community
Siti amici
Contatta lo Staff
Avviso | Chiudi
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
 

Cultura e Tradizioni
La Storia
Chiese e Monumenti
I Riti Religiosi
In giro per Butera
Ricette Tipiche Locali
Utility e Svago
Giochi
Bollo Auto, Codice Fiscale
Indirizzi e Numeri Utili
Elenco Telefonico
Butera dal satellite
Mappa Stradale di Butera
Buteraweb.it TV
Attivita' Commerciali
Libro degli Ospiti
Web Radio
Atti Comunali
Chi e' online
Abbiamo 4 visitatori online
Nessun utente online



Netturbini senza stipendio, protesta continua PDF Stampa E-mail
Fonte: "Giornaleonline.lasicilia.it", Ed. di Caltanissetta del 29 Ottobre 2013, pag.27

Protestano anche le donne
Mogli e fidanzate dei netturbini di Butera ieri al fianco dei loro uomini ancora senza stipendio


Butera. Barriera umana per impedire l'uscita dei mezzi per la raccolta dei rifiuti. Tensione alta, niente stipendi ai mariti e ai fidanzati, niente quindi raccolta per le vie urbane. Sull'iniziale stop ha prevalso poi il buon senso anche se resta la rabbia. Non sono stati gli operatori ecologici a rallentare la raccolta, bensì le loro mogli, quelle che devono far quadrare i conti in casa. Così ieri mattina hanno dato vita ad una protesta dopo avere costituito un comitato autonomo composto da Emanuela Di Martino, Domenica Chiolo, Claudia Buttiglieri, Mattia Fasciana, Lucrezia Tinnirello, Sofia Di Dio, Grazia Rita Ficicchia e Shana Morinello. Un comitato spontaneo e se prima avevano pensato di raccogliere le firme per Butera e far sentire il loro disagio, ieri hanno dato vita alla protesta.
"Questo accade - dice Luisa Lunetta, segretario provinciale della Cgil - frutto dell'esasperazione".
Difficile far quadrare i conti, durante il periodo estivo gli operai della Sap hanno dovuto "bussare" ai parenti per chiedere un aiuto economico affinché potessero raggiungere Desusino per pulire la spiaggia e le zone balneari, quei soldi, anzi quegli stipendi tanto attesi non sono mai arrivati. "Ci siamo già mortificate - ha detto Emanuela Di Martino - quante altre volte ancora dobbiamo chiedere aiuto. E' paradossale. I nostri mariti lavorano e noi non abbiamo un centesimo".
Così ieri dopo la protesta è stata mobilitata la Prefettura. Qui infatti verrà attivato il tavolo per la vertenza Sap. "Il comune di Butera - ha detto il segretario Luisa Lunetta - non ha saldato il conto con l'Ato rifiuti. E' indietro con i pagamenti. Si sta facendo il passaggio dall'Ato rifiuti alla Srr senza però chiudere il conto. Qui di mezzo ci vanno i lavoratori e le loro famiglie". Quindici famiglie sul lastrico, o quasi. Lo stesso parroco di Maria Ausiliatrice, padre Aldo Contraffatto, ha deciso di venire incontro a queste famiglie per giungere ad una soluzione che consenta loro di superare i disagi che attualmente stanno patendo. «Le donne volevano occupare il capannone nel quale sono allocati i mezzi per la raccolta dei rifiuti, ma ho spiegato loro che un simile gesto avrebbe potuto degenerare e creare una situazione di interruzione di pubblico servizio; pertanto abbiamo deciso di organizzare una assemblea cittadina per cercare tutti insieme una soluzione che consenta alle loro famiglie di poter usufruire dello stipendio che legittimamente i loro mariti, padri e fidanzati si guadagnano ogni giorno assicurando il servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti solidi urbani». Molti operatori non hanno un contratto a tempo indeterminato così non solo niente stipendi, ma anche poca certezza sul futuro lavorativo.
Commenti (1)add
... : dapo1944
U SAZIU NUN CRIDI O MUORTU DI FAMI. Questo è il mio primo pensiero di fronte a questa triste vicenda che sta coinvolgendo tutta la nostra comunità. Vero è quanto afferma il segretario provinciale della CGIL,Luisa Lunetta, che quanto sta accadendo a Butera è solamente il frutto dell'esasperazione.Certo,i dipendenti ,le loro mogli, non sono più in grado di far quadrare i conti,visto che da oltre cinque mesi non percepiscono più lo stipendio.Come si fa ad essere così insensibili,così indifferenti di fronte ai tanti problemi che stanno mettendo in ginocchio decine di lavoratori ? Questa gente,pur avendo lavorato onestamente per tanti mesi, sottopagati, non è più in grado di comprare il latte ai propri figli,e non hanno mai ricevuto una mano da nessuno. Ma chi è il vero responsabile di tale triste situazione? Da una parte c'è chi dice che ciò è una conseguenza al fatto che il comune di Butera non abbia ancora saldato i conti prima del passaggio dall'ATO rifiuti alla SRR. Dall'altra parte ,e quindi da parte della Amministrazione Comunale e dal Sindaco, il nostro Comune non c'entra affatto un bel niente, essendo solo una questione interna tra Ato e Sap. Chi ha ragione? Una cosa è certa:è una situazione incomprensibile ma che va solo a discapito degli incolpevoli lavoratori.Gravissima è poi l'affermazione del Sindaco secondo cui,così si legge su LA SICILIA del 30.10,che "la protesta non è stata autorizzata e di cui non si conosce il perchè".Ma da chi dovrebbe essere autorizzato il lavoratore,la moglie di quest'ultimo,a protestare perchè da 5 mesi non percepisce il salario? Ma non si rende conto che questa gente non è più in grado di assicurare ai loro figli il minimo indispensabile per la sopravvivenza? Ha forse dimenticato che ,oltre ad essere il primo cittadino,è anche un dirigente sindacale provinciale della CGIL che dovrebbe rappresentare e difendere i lavoratori? Lui e la sua amministrazione avrei voluto vederli in prima linea in questa dura,legittima e decorosa battaglia che i nostri operatori ecologici stanno conducendo,abbandonati da tutti.Altro che solidarietà e vicinanza. Parole,parole,ma solo parole.Ci vuole ben altro. Mi auguro solo che tale situazione non degeneri ulteriormente.La mia vicinanza,la mia solidarietà umana verso i nostri operatori ecologici e che presto si risolva al meglio tale triste vicenda .Auguri. DAPO 1944.

31 ottobre 2013
Scrivi commento

Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.


busy