Home arrow Archivio Notizie arrow «Lido Sorriso», via alla demolizione
NEWS
F1, è morto Niki Lauda, aveva 70 anni. Tra i migliori piloti di sempre

RepTv

L’Europa e il voto necessario

Elezioni, La questione morale che può affondare la sinistra a Perugia

Governo, l’errore di usare lo scudo del Quirinale
Decreto sicurezza bis, Salvini chiede il voto subito in Cdm: "Testo limato". Di Maio: "Prima sciogliere i dubbi del Quirinale"

Radio radicale, stop alla proroga della convenzione: decisivo il no dei Cinque stelle. Bagarre in commissione

Rai, nove nomine decise dall'ad Salini. Fermata l'offensiva leghista su viale Mazzini

Cei, Bassetti: "Basta richiami esteriori ai simboli della fede. E ci sono troppi pregiudizi sul Terzo settore"

Pd, Zingaretti riapre la sezione a Casal Bruciato dopo le proteste anti-rom: "Torniamo in periferia per restarci"
Le Borse rimbalzano grazie agli spiragli nella guerra tech tra Usa e Cina

Tria, "Decreto famiglie senza coperture". Il M5s replica: "Ci sono, gliele spiegheremo"

Italia in stagnazione, per l'Ocse sarà un anno a crescita zero

Pensioni, doppio colpo sugli assegni più alti: via a taglio e conguaglio da giugno
Juventus, una panchina da assegnare: sondaggio

Euro Under 17: l'Italia vola in finale, Francia battuta in rimonta

Fair Play Finanziario, la Uefa deferisce il Manchester City

Football Leader 2019, premi al Torino e a Zaniolo
Mauro Ferrari: "Stamina un metodo sbagliato. Ma quei pazienti andavano ascoltati"

"Perché amiamo i cani? Semplice: è tutta una questione di geni"

"Uccidi il giornalista", è polemica sul gioco per smartphone

Sindone, nuova analisi: "Non ci sono prove che sia medievale"
Menu
Home
Archivio Notizie
Forum
Chat
Galleria Fotografica
Galleria dei Video
Annunci e Inserzioni
Messaggeria Privata
Download
La Community
Siti amici
Contatta lo Staff
Avviso | Chiudi
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
 

Cultura e Tradizioni
La Storia
Chiese e Monumenti
I Riti Religiosi
In giro per Butera
Ricette Tipiche Locali
Utility e Svago
Giochi
Bollo Auto, Codice Fiscale
Indirizzi e Numeri Utili
Elenco Telefonico
Butera dal satellite
Mappa Stradale di Butera
Buteraweb.it TV
Attivita' Commerciali
Libro degli Ospiti
Web Radio
Atti Comunali
Chi e' online
Abbiamo 1 visitatore online
Nessun utente online



«Lido Sorriso», via alla demolizione PDF Stampa E-mail
Tratto da "La Sicilia, ed. Caltanissetta del 7 Novembre 2007

«LIDO SORRISO», VIA ALLA DEMOLIZIONE
«ECOMOSTRO» DA 40 ANNI. L’abbattimento dello stabilimento balneare dopo l’emissione dell’ordinanza del sindaco di Butera.


BUTERA. Per oltre 40 anni è stato “vessillo” dello scempio ambientale e paesaggistico, ma da ieri sono in azione le ruspe che cancelleranno  "l’ecomostro” e restituiranno alla fruizione un’area demaniale scippata alla collettività dalla speculazione. Stiamo parlando del “Lido Sorriso”, sito nella zona balneare di Falconara, in territorio di Butera, una struttura abusiva, realizzata su un’area demaniale vasta 3 mila e 500 metri, ormai in decadenza e pericolosa per l’incolumità pubblica.
Proprio la pericolosità della struttura aveva indotto il sindaco di Butera a firmare l’ordinanza di demolizione dello stabilimento balneare. I proprietari si erano opposti ed avevano presentato ricorso al Tar che, però, bocciò l’istanza. La vicenda del “Lido Sorriso” finì sul tavolo del capo dell’ufficio di polizia giudiziaria della Procura di Gela, dott. Giuseppe Montana che, scrutando tra le carte dello stabilimento balneare costruito in riva al mare ed in parte su uno scoglio, scoprì che nessuna concessione edilizia era stata rilasciata ai proprietari per la sua realizzazione.
Avviati nell’ultimo scorcio degli anni Cinquanta, i lavori del lido, in barba a qualsiasi normativa, vennero ultimati un decennio più tardi. Solo negli anni Ottanta i proprietari avevano avanzato richiesta di sanatoria che, se da un lato trovò parere favorevole da parte della Sovrintendenza ai Beni culturali di Caltanissetta, dall’altro trovò il diniego del Genio Civile. Le indagini, coordinate dal Pm Serafina Cannatà, sono sfociate ora nella demolizione dell’ecomostro.
Ieri mattina, la squadra di Pg dei Vigili urbani e gli uomini della Capitaneria di Porto, sono piombati al lido per dare il via alla demolizione. Demolizione che - ha sottolineato ieri durante la conferenza stampa il procuratore Salvatore De Luca - avrebbe dovuto inziare lo scorso mese di maggio. Ma un lucchetto apposto dai proprietari nel cancello d’ingresso ha ritardato l’intervento. E’ stato necessario, infatti, l’ok della magistratura per recidere il lucchetto. I lavori per la demolizione si protrarranno per un trimestre.
«Questa fase della demolizione - ha detto il procuratore De Luca - non è penale, ma amministrativa. Allo stato assistiamo ad una paralisi in tema di demolizioni, ma in questo caso l’intervento è stato possibile perchè si è attivata la Sovrintendenza di Caltanissetta con un finanziamento regionale e grazie all’intervento della Magistratura. Da parte della nostra Procura c’è il massimo impegno ad andare avanti nelle demolizioni. Ma dobbiamo fare i conti con una normativa farraginosa ed inadeguata. Il numero di manufatti abusivi da demolire anche a Gela è elevato, ma attendiamo notizie dal Comune sulle domande di sanatoria presentate. Speriamo che la demolizione del “Lido Sorriso” non sia un caso isolato, ma che sia il primo caso di demolizione di ecomostro».
D. V.
Commenti (2)add
... : Salvatore
Evviva! Era ora!
08 novembre 2007
Finalmente : Tipo
Ne senti parlare da anni, troppi anni, e non mi sembra vero. che bello, però, riappropriarsi di nuovo di uno spazio incantevole.
08 novembre 2007
Scrivi commento

Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.


busy