Home arrow Archivio Notizie arrow Comunitā di Lampedusa, legame solidale
NEWS
Menu
Home
Archivio Notizie
Forum
Chat
Galleria Fotografica
Galleria dei Video
Annunci e Inserzioni
Messaggeria Privata
Download
La Community
Siti amici
Contatta lo Staff
Avviso | Chiudi
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
 

Cultura e Tradizioni
La Storia
Chiese e Monumenti
I Riti Religiosi
In giro per Butera
Ricette Tipiche Locali
Utility e Svago
Giochi
Bollo Auto, Codice Fiscale
Indirizzi e Numeri Utili
Elenco Telefonico
Butera dal satellite
Mappa Stradale di Butera
Buteraweb.it TV
Attivita' Commerciali
Libro degli Ospiti
Web Radio
Atti Comunali
Chi e' online
Abbiamo 1 visitatore online
Nessun utente online



Comunitā di Lampedusa, legame solidale PDF Stampa E-mail
Fonte: "Giornaleonline.lasicilia.it", Ed. di Caltanissetta del 20Ottobre 2013, pag.34

Butera si mobilita


Butera. c. l.) Creare un legame solidale tra la comunità cattolica buterese e quella di Lampedusa, l'isola assurta tristemente agli onori della cronaca per via dell'immane tragedia che ha fatto registrare la morte di numerosi profughi a seguito dell'affondamento dell'imbarcazione che avrebbe dovuto portarli nelle coste siciliane. E' quanto sta facendo padre Aldo Contraffatto.
Il parroco di Maria Ausiliatrice ha fatto rilevare come la città di Butera sia stata una tra le poche cittadine siciliane a non essersi attivata per accogliere le salme di qualcuno di questi profughi per dargli degna sepoltura. Tuttavia, secondo padre Aldo, «Anche la nostra Butera, nonostante ciò, è vicina al dramma dei fratelli della comunità di Lampedusa ancora turbata e scossa da questa immane tragedia». Per questa ragione, padre Aldo ha dato vita ad un vero e proprio ponte di solidarietà interparrocchiale tra la sua parrocchia e quella di San Gerlando a Lampedusa che, per altro, è diretta da don Mimmo Zambito che, da qualche settimana, è parroco dell'unica parrocchia che esiste nell'Isola.
«Ho già telefonato al mio amico Mimmo Zambito manifestandogli la piena vicinanza della nostra comunità e la volontà di intraprendere iniziative di preghiera e di concreta solidarietà verso i fratelli di Lampedusa affidati alle sue cure pastorali». Per la giornata odierna, nel corso della messa delle ore 11, alla parrocchia Maria Ausiliatrice, sarà celebrata una messa in suffragio di tutte le vittime del naufragio di Lampedusa. Un primo passo per la creazione di un filo diretto di solidarietà tra le due parrocchie con la raccolta non solo di fondi, ma anche di indumenti per gli extracomunitari in modo da consentire alla parrocchia isolana di San Gerlando di affrontare le piccole e grandi urgenze dettate da una quotidianità nella quale si registrano di continuo sbarchi nell'isola di Lampedusa.
Commenti (0)add
Scrivi commento

Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.


busy