Home arrow La Storia
NEWS
Terremoto Ischia: in salvo intera famiglia. Estratti anche i due fratelli. "Ciro ha salvato la vita a Mattias"

Scuola, Fedeli: "Portare obbligo a 18 anni". Erasmus? "Tutti dovranno poterlo fare"

Attentato sulla Rambla, Chemlal in aula col pigiama: "Puntavamo ai simboli di Barcellona". Rilasciato uno degli accusati

Foggia, litiga con il vicino e lo uccide a colpi di pistola in cortile: 43enne arrestato

Champions, Nizza-Napoli 0-2: Insigne lancia gli azzurri ai gironi
M5S, stop alle votazioni on line. Timori per la scelta del candidato premier

La faida animalista, i Verdi all'attacco di Brambilla: "In passato hai votato contro l’ambiente"

Cara figlia che vai a Parigi per l'Erasmus continua a non avere paura del mondo

Gentiloni al meeting Cl: "Terroristi non ci costringeranno a rinunciare alla nostra libertà"

Regionali, Berlusconi pensa ad Armao e Miccichè avverte gli alleati: "Forza Italia pronta a correre da sola"
Borse europee in rialzo. Solo Milano in rosso

Fisco, le regole per la sanatoria sulle liti. In arrivo la proroga della voluntary

Rottamazione delle cartelle, ultima chiamata. Lunedì scade il termine

Fisco, proroga al 20 agosto per i versamenti degli autonomi
Champions, playoff: quanta sofferenza per il Siviglia. Ok Maribor, Celtic e Olympiacos

Var, Morace: "Innovazione importante, passo avanti nel paese del sospetto"

Premier League: Rooney fa 200 ma non basta all'Everton, Sterling salva il City

Morte di Guido Rossi, quando scelse Donadoni come ct: "Un'ottima persona che voleva cambiare faccia al calcio"
Anche su Marte nevica: così la notte porta le tempeste

Una memoria a lungo termine? "Il segreto è nelle mappe mentali"

Chi corre ricorda meglio, così topi e uomini allenano la memoria

Come Spiderman una supertela grazie al grafene
Menu
Home
Archivio Notizie
Forum
Chat
Galleria Fotografica
Galleria dei Video
Annunci e Inserzioni
Messaggeria Privata
Download
La Community
Siti amici
Contatta lo Staff
Avviso | Chiudi
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
 

Cultura e Tradizioni
La Storia
Chiese e Monumenti
I Riti Religiosi
In giro per Butera
Ricette Tipiche Locali
Utility e Svago
Giochi
Bollo Auto, Codice Fiscale
Indirizzi e Numeri Utili
Elenco Telefonico
Butera dal satellite
Mappa Stradale di Butera
Buteraweb.it TV
Attivita' Commerciali
Libro degli Ospiti
Web Radio
Atti Comunali
Chi e' online
Abbiamo 2 visitatori online
Nessun utente online



La storia di Butera PDF Stampa E-mail
Breve profilo storico

Questa città ha origini molto remote, risalenti addirittura alla prima metà dell'era del bronzo (200 a.C.). Si dice che fu edificata da Bute, primo Re dei Siculi, il quale avrebbe dato alla città il suo nome.

La storia di Butera si perde nella notte dei tempi e non vi è storico che abbia potuto trovare prove tangibili delle sue origini fino alle dominazioni a noi conosciute. La città castello (Butera) nel V sec. d.C. accolse i profughi delle campagne e città vicine che erano perseguitati dai Vandali condotti dal feroce Genserico.

Al tempo dei Saraceni fu una munitissima roccaforte inespugnabile. Il dominio saraceno durò dall'854 al 1089 anno in cui il gran conte Ruggero s'impadronì di Butera. Dopo averla assediata, riuscì a prenderla entrando per la porta a settentrione che poi per questo si chiamò Porta Reale. Conquistata Butera, Ruggero le assegnò il titolo di Contea e la concesse al marchese d'Arrigo, che aveva sposato Flandina, figlia del Conte.
La fama di Butera in questo periodo fu pari a quella di Catania, Messina, Siracusa e Noto. Fu capoluogo di Contea con giurisdizione su Piazza e Aidone, conservando la forma di "Municipio" e tutti i possedimenti.

A Ruggero II successe Guglielmo I detto "Il Malo" che distrusse Butera...

In verità c'è da presumere che non si sia trattato di una vera e propria distruzione, ma del divieto tassativo agli abitanti di abitarla ed ai forestieri di venire a stabilirvisi, in effetti fu distrutto solo il Castello.


Tempo dopo Butera venne ricostruita col suo Castello dal Re Guglielmo il Buono. Il titolo di principe di Butera fu concesso per la prima volta come titolo nobiliare più elevato, dal Re Filippo II alla famiglia Branciforte, succeduta nel 1540 nella signoria feudale di Butera e del suo territorio. La famiglia Branciforte, continuò a lungo a godersi i vasti possedimenti e la rilevante giurisdizione sino all'anno 1805 quando per mancanza di maschi l'unica erede, Stefania Branciforte, Principessa di Butera, divenne sposa di Giuseppe Lanza Branciforte figlio di Pietro Lanza, Principe di Trabia. Il titolo di Principe di Butera divenne il primo titolo del regno di Sicilia.
Non va dimenticato che il Principe di Butera comandava un ramo del Parlamento siciliano e precisamente il cosiddetto "Braccio Feudale".

La successione della Famiglia Lanza alla Famiglia Branciforte nel Principato di Butera, segue l'ultima fase e la più recente della serie dei feudatari.

Leggi l'approfondimento.