Home arrow La Storia
NEWS
Attenti alle guerre contro chi innova

I migranti, Salvini e l’ipocrisia dei soccorsi affidati ai libici

L’Amaca di Michele Serra (19/072018)

Brexit, l'allarme della Commissione Ue: "Prepariamo ci ad ogni eventualità"

Migranti, la Cei: "Non possiamo volgere lo sguardo altrove. No al clima di paura e rifiuto"
Legittima difesa, M5S frena. Conte: "Governo non incita all'uso delle armi". Bonafede: "No alla liberalizzazione"

Camere, alla Vigilanza Barachini (FI), al Copasir Guerini (Pd). Polemica sull'ex giornalista Mediaset

Assistente assunta al Mise: "Illazioni e sessismo". Di Maio si difende: "Non c'è persona più onesta".

M5S, voto su Rousseau per scegliere i candidati al Csm: il più votato Alberto Maria Benedetti, ordinario di Privato
Borse incerte fra dazi e trimestrali. Ue pronta a reagire a tariffe Usa sulle auto

Modello 730, il 23 luglio la scadenza per l'invio

Dalla Telecom a Fincantieri. I dossier caldi e l'impasse Cdp

Prestito vitalizio ipotecario, occhio alle trappole
Instagram, con un 'Buongiorno' Cristiano Ronaldo sfiora il record: oltre 6 milioni di like in poche ore

Merlin, il pallone della Serie A

Kylian Mbappé, l'enfant prodige del Mondiale dona la vincita in beneficenza

Chievo a Parma rischiano la serie A: richiesta di sanzioni pesanti
Esiste una nuova era geologica ed è quella in cui viviamo

Ecco il primo pane della storia. Risale a 14mila anni fa

Sammy Basso si laurea in Scienze con 110 e lode: un'altra vittoria per il ragazzo affetto da progeria

Il pianto di un bimbo di 4 mesi ci fa capire che voce avrà da grande
Menu
Home
Archivio Notizie
Forum
Chat
Galleria Fotografica
Galleria dei Video
Annunci e Inserzioni
Messaggeria Privata
Download
La Community
Siti amici
Contatta lo Staff
Avviso | Chiudi
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
 

Cultura e Tradizioni
La Storia
Chiese e Monumenti
I Riti Religiosi
In giro per Butera
Ricette Tipiche Locali
Utility e Svago
Giochi
Bollo Auto, Codice Fiscale
Indirizzi e Numeri Utili
Elenco Telefonico
Butera dal satellite
Mappa Stradale di Butera
Buteraweb.it TV
Attivita' Commerciali
Libro degli Ospiti
Web Radio
Atti Comunali
Chi e' online
Abbiamo 1 visitatore online
Nessun utente online



La storia di Butera PDF Stampa E-mail
Breve profilo storico

Questa città ha origini molto remote, risalenti addirittura alla prima metà dell'era del bronzo (200 a.C.). Si dice che fu edificata da Bute, primo Re dei Siculi, il quale avrebbe dato alla città il suo nome.

La storia di Butera si perde nella notte dei tempi e non vi è storico che abbia potuto trovare prove tangibili delle sue origini fino alle dominazioni a noi conosciute. La città castello (Butera) nel V sec. d.C. accolse i profughi delle campagne e città vicine che erano perseguitati dai Vandali condotti dal feroce Genserico.

Al tempo dei Saraceni fu una munitissima roccaforte inespugnabile. Il dominio saraceno durò dall'854 al 1089 anno in cui il gran conte Ruggero s'impadronì di Butera. Dopo averla assediata, riuscì a prenderla entrando per la porta a settentrione che poi per questo si chiamò Porta Reale. Conquistata Butera, Ruggero le assegnò il titolo di Contea e la concesse al marchese d'Arrigo, che aveva sposato Flandina, figlia del Conte.
La fama di Butera in questo periodo fu pari a quella di Catania, Messina, Siracusa e Noto. Fu capoluogo di Contea con giurisdizione su Piazza e Aidone, conservando la forma di "Municipio" e tutti i possedimenti.

A Ruggero II successe Guglielmo I detto "Il Malo" che distrusse Butera...

In verità c'è da presumere che non si sia trattato di una vera e propria distruzione, ma del divieto tassativo agli abitanti di abitarla ed ai forestieri di venire a stabilirvisi, in effetti fu distrutto solo il Castello.


Tempo dopo Butera venne ricostruita col suo Castello dal Re Guglielmo il Buono. Il titolo di principe di Butera fu concesso per la prima volta come titolo nobiliare più elevato, dal Re Filippo II alla famiglia Branciforte, succeduta nel 1540 nella signoria feudale di Butera e del suo territorio. La famiglia Branciforte, continuò a lungo a godersi i vasti possedimenti e la rilevante giurisdizione sino all'anno 1805 quando per mancanza di maschi l'unica erede, Stefania Branciforte, Principessa di Butera, divenne sposa di Giuseppe Lanza Branciforte figlio di Pietro Lanza, Principe di Trabia. Il titolo di Principe di Butera divenne il primo titolo del regno di Sicilia.
Non va dimenticato che il Principe di Butera comandava un ramo del Parlamento siciliano e precisamente il cosiddetto "Braccio Feudale".

La successione della Famiglia Lanza alla Famiglia Branciforte nel Principato di Butera, segue l'ultima fase e la più recente della serie dei feudatari.

Leggi l'approfondimento.