Home arrow La Storia
NEWS
RepTv

Più dramma che commedia

Csm, la riforma demagogica

La mia rivincita di poeta

Terremoto in Grecia, paura ad Atene: scossa 5,3
Governo, voci di crisi. In serata Salvini dice: "Non cadrà alcun governo"

Il Pd querela Di Maio per diffamazione: "Inaccettabile collegamento con vicenda di Bibbiano"

Sicurezza bis, bagarre in commissione alla Camera: Leu e Pd lasciano i lavori dopo scontro Boldrini-Sibilia

Moscopoli, Salvini non riferisce in aula. Alla Camera i dem occupano commissione

Fico alla Lega: "Sull'Autonomia deve decidere il Parlamento. Salvini venga in aula sulla Russia".
Le Borse rallentano e Milano peggiora, sale lo spread

L'allarme della Cgil: "Quarantenni precari di oggi in pensione a 73 anni"

Mattone sempre in crescita, gli italiani hanno 400.000 immobili in più

Bonus Sud, via alle domande per le assunzioni agevolate
Dazn, accordo con Eurosport: arrivano anche tennis, basket e ciclismo

Calcio, a Coverciano via al ritiro dei senza contratto: c'è anche Barzagli

David Lind, l'uomo che voleva chiamarsi signor Tottenham

La fidanzata di Malcuit attacca i napoletani su instagram: "Disgustosi con me da quando sono arrivata"
Una bolla di aerogel per colonizzare Marte. "Creeremo l'effetto serra per abitare il pianeta"

Una guida ai nuovi corsi di laurea scientifici

Un allattamento lungo un anno: svelate le cure di mamma australopiteco

Il matematico Alan Turing sulla nuova banconota da 50 sterline
Menu
Home
Archivio Notizie
Forum
Chat
Galleria Fotografica
Galleria dei Video
Annunci e Inserzioni
Messaggeria Privata
Download
La Community
Siti amici
Contatta lo Staff
Avviso | Chiudi
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
 

Cultura e Tradizioni
La Storia
Chiese e Monumenti
I Riti Religiosi
In giro per Butera
Ricette Tipiche Locali
Utility e Svago
Giochi
Bollo Auto, Codice Fiscale
Indirizzi e Numeri Utili
Elenco Telefonico
Butera dal satellite
Mappa Stradale di Butera
Buteraweb.it TV
Attivita' Commerciali
Libro degli Ospiti
Web Radio
Atti Comunali
Chi e' online
Abbiamo 3 visitatori online
Nessun utente online



La storia di Butera PDF Stampa E-mail
Breve profilo storico

Questa città ha origini molto remote, risalenti addirittura alla prima metà dell'era del bronzo (200 a.C.). Si dice che fu edificata da Bute, primo Re dei Siculi, il quale avrebbe dato alla città il suo nome.

La storia di Butera si perde nella notte dei tempi e non vi è storico che abbia potuto trovare prove tangibili delle sue origini fino alle dominazioni a noi conosciute. La città castello (Butera) nel V sec. d.C. accolse i profughi delle campagne e città vicine che erano perseguitati dai Vandali condotti dal feroce Genserico.

Al tempo dei Saraceni fu una munitissima roccaforte inespugnabile. Il dominio saraceno durò dall'854 al 1089 anno in cui il gran conte Ruggero s'impadronì di Butera. Dopo averla assediata, riuscì a prenderla entrando per la porta a settentrione che poi per questo si chiamò Porta Reale. Conquistata Butera, Ruggero le assegnò il titolo di Contea e la concesse al marchese d'Arrigo, che aveva sposato Flandina, figlia del Conte.
La fama di Butera in questo periodo fu pari a quella di Catania, Messina, Siracusa e Noto. Fu capoluogo di Contea con giurisdizione su Piazza e Aidone, conservando la forma di "Municipio" e tutti i possedimenti.

A Ruggero II successe Guglielmo I detto "Il Malo" che distrusse Butera...

In verità c'è da presumere che non si sia trattato di una vera e propria distruzione, ma del divieto tassativo agli abitanti di abitarla ed ai forestieri di venire a stabilirvisi, in effetti fu distrutto solo il Castello.


Tempo dopo Butera venne ricostruita col suo Castello dal Re Guglielmo il Buono. Il titolo di principe di Butera fu concesso per la prima volta come titolo nobiliare più elevato, dal Re Filippo II alla famiglia Branciforte, succeduta nel 1540 nella signoria feudale di Butera e del suo territorio. La famiglia Branciforte, continuò a lungo a godersi i vasti possedimenti e la rilevante giurisdizione sino all'anno 1805 quando per mancanza di maschi l'unica erede, Stefania Branciforte, Principessa di Butera, divenne sposa di Giuseppe Lanza Branciforte figlio di Pietro Lanza, Principe di Trabia. Il titolo di Principe di Butera divenne il primo titolo del regno di Sicilia.
Non va dimenticato che il Principe di Butera comandava un ramo del Parlamento siciliano e precisamente il cosiddetto "Braccio Feudale".

La successione della Famiglia Lanza alla Famiglia Branciforte nel Principato di Butera, segue l'ultima fase e la più recente della serie dei feudatari.

Leggi l'approfondimento.