NEWS
La strage silenziosa delle Rsa

RepTv

Zaia furioso: "In Grecia non ci vedono più"

La Crew Dragon si distacca: parte l'applauso Nasa  

Sul treno appare il graffito in onore di George Floyd
Menu
Home
Archivio Notizie
Forum
Chat
Galleria Fotografica
Galleria dei Video
Annunci e Inserzioni
Messaggeria Privata
Download
La Community
Siti amici
Contatta lo Staff
Avviso | Chiudi
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
 

Cultura e Tradizioni
La Storia
Chiese e Monumenti
I Riti Religiosi
In giro per Butera
Ricette Tipiche Locali
Utility e Svago
Giochi
Bollo Auto, Codice Fiscale
Indirizzi e Numeri Utili
Elenco Telefonico
Butera dal satellite
Mappa Stradale di Butera
Buteraweb.it TV
Attivita' Commerciali
Libro degli Ospiti
Web Radio
Atti Comunali
Chi e' online
Abbiamo 9 visitatori online
Nessun utente online



Alloggio revocato, Comune contro inquilina PDF Stampa E-mail
Fonte: "Gds.it" del 23 Gennaio 2016

Butera, casa popolare revocata: il Comune contro un'inquilina


Butera. Il comune si costituirà nel giudizio promosso da una inquilina, cui lo scorso 17 settembre era stata revocata l’assegnazione di un alloggio popolare, lei prima assegnato, perché per più di sei mesi non avrebbe pagato il canone l’affitto. A deciderlo la giunta municipale, nell’intento di proseguire la battaglia per «il rispetto del principio di legalità», in tema di alloggi popolari. Non soltanto nei confronti di chi li occuperebbe abusivamente.
In questo caso, si tratta di una assegnataria che, assistita dall’avvocato Carmelo Terranova, ha prodotto ricorso avanti al Tribunale ordinario di Gela, contro il comune di Butera, «per l’annullamento, previa sospensione dell’esecuzione», del provvedimento di revoca, emanato nel settembre dello scorso anno, «di assegnazione di alloggio popolare di proprietà del comune e consequenziale risoluzione di diritto del contratto di locazione».
Per la giunta, presieduta dal sindaco Luigi Casisi, sussisterebbero «giuste ragioni, in particolare il rispetto del principio di legalità, per costituirsi in giudizio al fine di evitare l’accoglimento delle pretese avversarie da cui potrebbero derivare notevoli e rilevanti pregiudizi morali in danno degli aventi diritto ad un alloggio popolare, poiché utilmente collocati in graduatoria, e finanziari per la pubblica amministrazione, per il mancato pagamento dei canoni di locazione con evidente danno erariale». L’udienza per la comparizione delle parti è stata fissata per il 16 febbraio prossimo. L’incarico di difendere le ragioni del comune è stato conferito dal sindaco Luigi Casisi all’avvocata Laura Di Silvestre.
Salvatore Benfante
Commenti (1)add
... : dapo1944
Il problema della casa a Butera è sempre stato d'attualità.A volte la necessità di avere un tetto costringe la gente ad occuparle anche abusivamente ,consapevole che il loro gesto non è legale.Nel caso specifico sicuramente l'inquilina non era in grado di pagare il canone d'affitto e di conseguenza ha prodotto ricorso contro la revoca dell'assegnazione deciso dalla giunta municipale.Ora mi chiedo :come mai il Comune non adotta il sistema del Baratto Amministrativo, agevolando solo chi si trova in situazioni economicamente critiche e disagiate ?? Costoro potrebbero saldare il proprio debito con il Comune facendo in cambio dei lavori socialmente utili,come ad esempio lavori di pulizia in tutto il centro abitato,od altro.Pare che in tanti comuni ciò avviene già da tempo. Mi auguro che il nostro Comune si metta nei panni dei bisognosi,sospendendo già da subito la decisione presa..Dapo 1944-
26 gennaio 2016
Scrivi commento

Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.


busy