P. Aldo: «Il muretto non è ancora sistemato»
Fonte: "La Sicilia", ed. Caltanissetta del 7 Luglio 2010

«Il muretto non ancora sistemato»
Due mesi dopo il tragico incidente in cui morì Pisano sollecitata la messa in sicurezza


Butera. A distanza di due mesi dalla morte di Gaetano Pisano lungo la Via Caltanissetta, non è stato ancora rimesso a posto il muro nel quale lo sfortunato giovane buterese s'è andato a schiantare con la sua auto. E' quanto lamentato da padre Aldo Contrafatto, parroco di Maria Ausiliatrice, che ha detto: «Si, in quel muretto non è stato ancora fatto alcun intervento di sistemazione e messa in sicurezza, e questo non mi sta bene, perché rappresenta il simbolo di una tragedia che ha colpito duramente la nostra comunità, per cui il minimo che si può e si deve fare è proprio sistemarlo e metterlo in sicurezza. Come mai non è stato fin qui attuato alcun intervento da parte di chi di competenza? Possibile che non si riesca a sistemarlo?».
In attesa di una risposta da parte del comune, padre Aldo Contrafatto ha lanciato una proposta provocatoria: «Spero che, da qui a qualche giorno chi di dovere provveda a sistemare il muro e a rimetterlo in sicurezza; in caso contrario, vorrà dire che sarò io stesso a fare un sit in di protesta davanti a quel muretto non ancora sistemato; il mio - ha concluso don Contrafatto - non vuole essere né un capriccio né tantomeno la scusa per fare polemiche, ma solo la convinzione di chi ritiene che il quartiere di Piano Fiera, nel quale insiste la mia parrocchia, va attenzionato anche per la sistemazione di un muretto che, ancora oggi, continua a fare sinistra mostra di sé nonostante siano passati due mesi da quel terribile incidente che ci ha portato via il nostro Gaetano».
Interpellato al riguardo, il comandante della Pm, dott. Carmelo Di Vita ha sottolineato: «Quel muretto in effetti rappresenta un pericolo che, quanto prima, andrà rimosso; è interesse dell'amministrazione comunale che ciò avvenga, ma nei tempi opportuni; ho infatti ragione di ritenere che se ancora non s'è provveduto a sistemare quel muretto è solo perché prima devono essere chiuse le indagini che, se non erro, sono ancora in corso». C. L.
Commenti
... : gigi6310
...a volte questi piccoli gesti lasciano intuire come la nostra comunita' vive episodi del genere, specie se un giovane ci lascia la vita, segnale tangibile di poca sensibilita' e scarso rispetto nei confronti della comunita' tutta, specie riguardo la famiglia, da parte di chi occupa quelle cosi' tanto amate sedie della Corte.
Le indagini del caso, sono concluse e messe su carta a disposizione degli uffici competenti, per cui il sig Comune ha l'obbligo istituzionale, morale ed etico di rimettere al piu' presto in sesto e in sicurezza quel monumento alla tristezza. Non capisco come la popolazione accetti ancora queste angherie e mortificazioni come non e' accettabile che il cittadino debba pensare di notte la causa da combattere il giorno dopo ,solamente per un quieto vivere.
Ho sempre detto che Butera e' un'oasi di pace, ma a qualcuno questo concetto non va' bene , specie se non riesce a lucrare.....buon intenditore ...poche parole...FORZA P. ALDO ...SONO CON TE
08 luglio 2010

busy