Operaio licenziato dal Corpo Forestale
Fonte: "La Sicilia", ed. Caltanissetta del 19 Settembre 2009

«DENIGRA L’AZIENDA»: LICENZIATO
Dopo la morte del collega forestale denunciò scarsi sistemi di sicurezza


Butera. Ha denunciato pubblicamente la mancanza di sicurezza nel posto di lavoro ed ha ricevuto la lettera di licenziamento. A lottare contro il corpo forestale è Luigi Pirino, un uomo di 48 anni che ha prestato servizio nella forestale per tutto il periodo estivo. Ora, come un fulmine a ciel sereno, la lette ra che lo ha cacciato. Luigi Pirino è stato il primo a soccorrere il forestale Giuseppe Petrolio, suo compaesano, nel giorno in cui è morto per le ferite riportate in un infortunio sul lavoro. La rabbia di vedere morire un amico, un padre di famiglia, lo aveva indotto ad esplicitare pubblicamente, senza peli sulla lingua, le scarse condizioni di sicurezza nel momento in cui intervengono i forestali per spegnere gli incendi. Rammaricato per la tragica fine del proprio collega non ci aveva pensato due volte a puntare l’indice contro il corpo forestale affinché venissero attenzionate le condizioni di lavoro.
Ed ora, nella sua battaglia contro il licenziamento, è rimasto solo. Nella sua battaglia ha chiesto il sostegno dell’avv. Rocco Guarnaccia. Il licenziamento – secondo le motivazioni giunte dal dipartimento foreste – sarebbe dovuta «all’infedeltà nei confronti dell’azienda e per denigrazione». «In un primo momento – ha spiegato il legale dell’operaio stagionale – avevamo spiegato che si trattava di un momento triste. Era intervenuto qualche giorno dopo il tragico incidente». A Butera in molti hanno cercato di attenzionare la situazione di Luigi Pirino, ma non tutti hanno risposto all’appello di un lavoratore che chiedeva, evitare altre morti bianche, un pò d’attenzione da parte degli ispettori. Ora senza un lavoro, con una lettera di licenziamento giunta prima dello scadere del contratto di lavoro, Pirino rischia di non ricevere l’indennità di disoccupazione. L’avv. Rocco Guarnaccia sta preparando il ricorso da presentare al giudice del lavoro per il reinserimento dell’operaio. L.M.
Commenti
... : R Pavone
Povera Sicilia!!!!!! Altro caso parallelo,anche se diverso, e' quello di Franco Palmeri. Meditate gente meditate. smilies/cool.gif
19 settembre 2009
... : rocco59
ED E LI CHE TUTTI I DIPENDENTI DELL'AZIENDA PER LA SOLIDARIETA NON LAVORINO PIU FINCHE NON CI SARA LA REINTEGRAZIONE DEL DIPENDENTE LICENZIATO..
LA RIASSUNZIONE SE NO TUTTI IN SCIOPERO.
19 settembre 2009
... : orwine
Ma stiamo scherzando? Il nome dell'amministratore che ha firmato il benestare!!!!!!!!!
Non fatevi pregare..........forza ragazzi denunciamolo noi a questo CAPORALE

19 settembre 2009
... : Ghiro
Cose da rincretinire. Non si può più neanche parlare.
Non trovo assurdità in quello che ha detto, sono d'accordo con l'avvocato Guarnaccia.
Ma i sindacati dove sono?
I politici dove sono?
Tutti dove siete?
Tutta la mia solidarietà a Luigi Pirino augurandogli che tutta questa ingiustizia finisca presto riassumendolo al Corpo Forestale.
19 settembre 2009
... : giuseppe
Ma È una PEPUBLICA DEMOGRATICA ( BANANA )CON LA FORZA DI RISPETTARE LE LEGI ??? E ASSURDO VEDERE COME VIENE TUTTO DISTRUTTO.... E COME VIENE ACETTATO SENSA NESSUNA REAZIONE; NON SOLO SINDACALE ; MA ANCHE LE FORZE POLITICHE; SIA DI SINISTRA CHE ANCHE DESTRA ; DOVREBERO DARSI DA FARE VERSO I LORO CITTADINI, ELETTORI, É PAESANI; NON CREDO CHE IL PARLAMENTO COMUNALE NON ABIA LA POSSIBILITÁ DI INTERVENIRE DIRETTAMENTE ...
20 settembre 2009
... : tizi
e una cosa vergognosa ma i colleghi non esistono... e sempre cosi una persona parla per il bene di tutti e poi la prende nel c..o !! adesso e senza lavoro e sicuramente le cose all interno della societa forestale cambiano e ne usufruiscono i colleghi che si sono fatti da parte.che colleghi meglio perderli che trovarli al momento del bisogno diventano tutti conigli.mi auguro che per il mio amico luigi perino gli vada tutto a buon fine.
21 settembre 2009
... : giusemes
Il licenziamento del Sig. Pirino non solo è gravemente lesivo del diritto all'espressione del pensiero sul luogo di lavoro, in relazione alla qualità del lavoro stesso e, più in generale, della libertà di parola dell'uomo e del cittadino, sancita dalla Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo e fatta porpria dalla Costituzione Repubblicana, ma, nella fattispecie, risulta offensivo nei confonti di un diritto ancora più grande ed inalienabile, quello alla solidarietà umana nei confronti di un compagno di lavoro.
Che il lavoratore abbia espresso critiche alle misure di sicurezza nel luogo di lavoro, non solo è comprensibile per la gravità dell'accaduto, non solo costituisce suo diritto, appunto inalienabile, ma anche un apporto al miglioramento delle condizioni del lavoro attraverso la critica. E la forma ed il tono qui diventano meri epifenomeni, elementi del tutto trascurabili, considerati nel contesto in cui i fatti sono avvenuti.
L'Ente Forestale avrebbe fatto meglio a parlare con il lavoratore e a cercare di capire il suo punto di vista, nel suo stesso interesse, che è quello che non si ripetano più incidenti sul lavoro come quello che è costato la vita al povero Peppe.
E' la coscienza civica del popolo di Butera, il rispetto per la memoria di Peppe Petrolio e l'interesse a che non si ripetano più fatti del genere a spingerci a chiedere all'Ente Forestale di revocare il porvvedimento di licenziamento del Sig. Pirino.
Giuseppe Messina
21 settembre 2009
... : Gaetano
I colleghi di Pirino cosa ne pensano?
21 settembre 2009
... : Achille
Scusate ma cosa si facendo effettivamente per risolvore il problema di Luigi, parlare e una cosa, ma ci vogliono i fatti veri i propri, si deve scatenare una guerra vera e propria contro questa ingiustizia sia per il problema di luigi ma anche in generale che una persona non può esprimere nessuna proposta a fin di bene che venga aggredita con il licenziamento la LIBERTA' DI OPINIONE DOVE E' ANDATA A FINIRE e una vergogna che ancora oggi Sia i colleghi di lavoro sia l'amministrazione Comunale e I SINDACATI DOVE SONO????????? e non prendono nessun provvedimento E VERO SIUMMU A PAISI DA BIFIRA, scusatemi
21 settembre 2009
... : marlowe
Il silenzio degli innoccenti.
La rete pullula di commenti di solidarietà verso il nostro compaesano ingiustamente licenziato.
I Buteresi tacciono. smilies/shocked.gif
21 settembre 2009
... : sandokan
l'EX assessore che si vanta tanto come mai nessuno del suo partito a preso posizione in merito?
21 settembre 2009
... : R Pavone
Perche', invece di fare demagogia telematica, non scendete tutti in Piazza a far sentire le proprie ragioni? O forse pensate che la brutta faccenda non riguardi la dignita' anche di un popolo chiamato Buterese? Distinti saluti.
22 settembre 2009
... : brunellino
Tutti in piazza, tutti in piazza a protestare per un fatto che dire grave e dire poco.
La solidarietà oltre che dai colleghi di lavoro, deve essere data da tutta la comunità di Butera. Una buona giornata Brunellino.
22 settembre 2009

busy