Abbonamenti pendolari, avviata petizione
Fonte: "Giornaleonline.lasicilia.it", Ed. di Caltanissetta del 17 Novembre 2013, pag.32

Abbonamenti ai pendolari, avviata una raccolta firme


Butera. c. k.) Tiene banco la questione dei pendolari. E non solo perché si stanno registrando disagi per numerosi studenti, ma anche per le loro famiglie che, dopo aver anticipato numerose mensilità per gli abbonamenti, vorrebbero sapere come e quando potranno recuperare i soldi anticipati per il trasporto dei loro figli.
L'ex assessore Silvio Scichilone ha chiesto al sindaco Luigi Casisi: «Come intende affrontare la questione del trasporto pubblico dei pendolari? Occorre infatti salvaguardare il diritto allo studio degli studenti, ma anche consentire alle famiglie, già gravate da tante spese, di rientrare nelle spese sostenute per pagare gli abbonamenti ai loro figli. Se il Comune, non si sa perché, ha perso una annualità per il rimborso degli abbonamenti, come intende farvi fronte in alternativa? Come intende muoversi il Comune anche con la Regione? ».
Nel frattempo, tuttavia, i genitori dei pendolari hanno avviato una raccolta di firme per accelerare la procedura affinchè il Comune possa attivarsi in tempi brevi per risolvere una volta per tutte la questione legata al rimborso degli abbonamenti per i loro figli pendolari.
E sempre in queste ultime ore, altro disagio per i pendolari ed altra raccolta di firme.
Accade infatti che numerosi studenti pendolari buteresi frequentano alcuni istituti scolastici a Gela che praticano la "settimana corta"; gli orari degli autobus che da Gela fanno ritorno a Butera non consentono tuttavia agli studenti buteresi di prenderli in tempo, per cui sono costretti a prendere un altro autobus che arriva a Butera solo intorno alle ore 18. Una autentica odissea per i pendolari che debbono restare fuori casa almeno 12 ore. Da qui la decisione di avviare una raccolta di firme tra i genitori per chiedere all'Etna trasporti e al Comune una soluzione anche a questo disagio.
Commenti

busy